Lavoro e Post Mercato
Quindicinale telematico a diffusione nazionale a carattere giornalistico
e scientifico di attualitā, informazione, formazione e studio multidisciplinare
nella materia del lavoro

Stampa articolo - Lavoro Post Mercato

Home page | Chi siamo | Statuto | Rivista - Lavoro e Post mercato

torna indietro

stampa questo articolo  stampa questo articolo


argomento:  Evoluzione normativa 

Individuazione delle imposte e delle tasse da rimborsare mediante procedure automatizzate
Rivista  n. 318
autore:   Rita Schiarea



Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. del 15 gennaio 2020 il DECRETO MINISTERIALE (Finanze) 22 novembre 2019 avente ad oggetto la "Individuazione delle imposte e delle tasse da rimborsare mediante procedure automatizzate e determinazione delle relative modalita' di esecuzione".
Il Decreto č strutturato nei seguenti cinque articoli:

Art. 1 Rimborsi

1. L'Agenzia delle entrate mediante procedure automatizzate dispone
i rimborsi di tasse e imposte dirette e indirette, di propria
competenza, risultanti dalla liquidazione delle dichiarazioni e delle
istanze, sulla base di liste contenenti, per ciascun periodo e tipo
d'imposta, in corrispondenza del singolo nominativo, le generalita'
dell'avente diritto, il numero di protocollo della dichiarazione o
dell'istanza dalla quale scaturisce il rimborso e l'ammontare
dell'imposta da rimborsare.
2. Sono fatte salve le diverse modalita' di rimborso previste da
specifiche norme.

Art. 2 Modalita' di pagamento dei rimborsi

1. Il pagamento dei rimborsi avviene mediante bonifico su conto
corrente bancario o postale.
2. Il beneficiario comunica all'Agenzia delle entrate le coordinate
del conto corrente, bancario o postale, nonche' le relative
variazioni, da utilizzare per tutti i rimborsi da pagare al
beneficiario medesimo.
3. L'erogazione dei rimborsi alle persone fisiche, in caso di
mancata comunicazione delle coordinate bancarie o postali di cui al
comma 2, avviene tramite titoli di credito a copertura garantita
emessi da Poste Italiane S.p.a.
4. Le operazioni di pagamento dei rimborsi fiscali tramite titoli
di credito emessi da Poste Italiane S.p.a. costituiscono operazioni
afferenti il servizio di tesoreria dello Stato, la cui esecuzione e'
affidata a Poste Italiane S.p.a. ai sensi dell'art. 2, comma 2, del
decreto-legge 1° dicembre 1993, n. 487, convertito, con
modificazioni, dalla legge 29 gennaio 1994, n. 71.


Art. 3 Pagamento dei rimborsi mediante accreditamento delle somme in conto corrente bancario o postale

1. Il pagamento dei rimborsi di cui all'art. 2, comma 1, e'
eseguito dalla Banca d'Italia mediante bonifico sulla base degli
elenchi forniti dall'Agenzia delle entrate.
2. Le somme che le banche e Poste Italiane S.p.a. sono tenute a
restituire alla Banca d'Italia a fronte di bonifici non andati a buon
fine affluiscono automaticamente ai pertinenti capitoli di entrata
del bilancio dello Stato.
3. In caso di pagamento non andato a buon fine, l'Agenzia delle
entrate ne da' comunicazione al beneficiario indicando le relative
cause.

Art. 4 Pagamento dei rimborsi mediante titolo di credito a copertura garantita emesso da Poste Italiane S.p.a.

1. Il titolo di cui all'art. 2, comma 3, e' emesso e inviato al
beneficiario da Poste Italiane S.p.a., sulla base degli elenchi
trasmessi dall'Agenzia delle entrate. La somma puo' essere incassata
presso tutti gli uffici postali oppure versata sul conto corrente
bancario o postale indicato dal beneficiario.
2. Gli importi dei titoli di credito non riscossi alla scadenza del
termine di validita' degli stessi sono riaccreditati da Poste
Italiane S.p.a. sul conto corrente in essere intestato al Ministero
dell'economia e delle finanze - Dipartimento delle finanze, anche per
un eventuale riversamento all'entrata del bilancio dello Stato.
3. In caso di pagamento non andato a buon fine, l'Agenzia delle
entrate ne da' comunicazione al beneficiario indicando le relative
cause.

Art. 5 Disposizioni finali e transitorie

1. Al fine dei pagamenti di cui all'art. 2, sono valide le
comunicazioni delle coordinate del conto corrente, bancario o
postale, inviate prima dell'entrata in vigore del presente decreto.
2. L'Agenzia delle entrate e la Banca d'Italia provvedono d'intesa
a definire le regole tecniche, le modalita' di trasmissione dei
flussi telematici e le specifiche informazioni per l'esecuzione dei
rimborsi di cui all'art. 2, comma 1.
3. L'Agenzia delle entrate e Poste Italiane S.p.a. provvedono
d'intesa a definire le regole tecniche, le modalita' di trasmissione
dei flussi telematici e le specifiche informazioni per l'esecuzione
dei rimborsi di cui all'art. 2, comma 3.



stampa questo articolo