Lavoro e Post Mercato
Quindicinale telematico a diffusione nazionale a carattere giornalistico
e scientifico di attualità, informazione, formazione e studio multidisciplinare
nella materia del lavoro

Stampa articolo - Lavoro Post Mercato

Home page | Chi siamo | Statuto | Rivista - Lavoro e Post mercato

torna indietro

stampa questo articolo  stampa questo articolo


argomento:  Laboratorio sociale 

Il mestiere di cittadino: un Occidente a rischio di Democrazia, il caso Facebook che chiude pagine con 2.4 milioni di followers!
Rivista  n. 302
autore:   La Redazione (D.P.)



Con il pretesto delle fake news, e grazie al consenso della proprietà di Facebook, si comincia a censurare internet ed a chiudere le pagine ritenute non in linea... Oggi tocca a chi osa pensare diversamente dal Pensiero pro Immigrazione e pro Unione Europea! Il messaggio è chiaro : potrà utilizzare Facebook e comunicare il proprio pensiero solo chi si allinea al Pensiero del proprietario di Facebook (a sua volta orientato dal Pensiero del Politicamente Corretto)!!! Anche se la volontà espressa democraticamente in libere elezioni dagli elettorati nazionali...esterna un pensiero diverso. Per il Sole 24 Ore (e per i fautori del Patto del Nazzareno- PD e Forza Italia - e partiti affini) è un buon indizio che la situazione sui social stia cambiando, per me e per tutti coloro che hanno avversato il ddl Fiano, la direttiva UE sul copyright ed il controllo censorio su Internet, è l'inizio della fine della comunicazione democratica introdotta dai social media - a vantaggio delle Elite finanziarie e dei mass media tradizionali il cui controllo è già saldamente nel potere delle solite note Oligarchie-. Chiunque abbia a cuore la libertà su internet (ma anche gli articoli 1 e 21 della Costituzione) , per qualunque partito simpatizzi, dovrebbe attivarsi per manifestare il proprio dissenso. Ma al momento non vedo nessun particolare disappunto!!! Nonostante i provvedimenti unilaterali di Facebook abbiano coinvolto più di 2 milioni e 400 mila utenti!!! Domani a chi toccherà???



stampa questo articolo