Articoli - Lavoro e Post Mercato

Home page | Chi siamo | Statuto | Rivista - Lavoro e Post Mercato                                   Area riservata   
Ricerca per argomenti


Ultima rivista



Archivio rivista
<< precedente successiva >>


Cerca un articolo inserendo una parola




  stampa questo articolo


argomento:  Approfondimento 

Etica e Diritto: inesistenza di un diritto al suicidio.
Rivista  n. 310
autore:   Diego Piergrossi



La questione in esame in questo numero è particolarmente complessa , cercheremo di sintetizzarla il più possibile alla luce dell'Ordinamento giuridico italiano ed internazionale, relativamente al caso di specie che ha avviato l'intero procedimento di giudizio di costituzionalità dell'articolo 580:

-Non esiste, ad oggi, nell'ordinamento italiano un diritto al suicidio, un diritto ad uccidersi. Nè può in alcun modo dedursi dall'articolo 2. Esiste certamente un diritto al consenso informato ed divieto di trattamenti sanitari senza il consenso ove non sia diversamente disposto dalla legge ma, si ripete nessun diritto al suicidio tanto meno sussumibile nella categoria dei diritti inviolabili dell'uomo.

-Esiste, invece, proprio nell'articolo 2 tra i diritti inviolabili, il primo, il diritto alla vita.

-In ogni caso la tutela del potere di autodeterminazione dell'individuo non può mai essere assoluta, figurando l'individuo stesso, come cittadino , all'interno di un corpus di diritti doveri in cui la dimensione sociale (articoli 2 e 4) non può essere negata, e mai essa stessa arrivare a violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana come tale.

Conseguentemente ad avviso di chi scrive nessun profilo di incostituzionalità può ravvisarsi nell'articolo 580 del Codice Penale circa la sanzione penale in sè prevista per chi aiuta un individuo a suicidarsi (suicidio assistito). Diverso è, invece, il rilievo di dover graduare la pena a seconda che l'assistente abbia o meno determinato, consolidato il proposito suicida.

Certamente l'intervento della Corte Costituzionale con l'Ordinanza 207/2018 sembra configurare un indubbio intervento del potere giudiziario in un ambito legislativo





  stampa questo articolo                                        torna su







Periodico a diffusione nazionale: “Lavoro e Post Mercato”
Registrazione Tribunale di Roma 3 agosto 2006 n. 332
Direttore Responsabile: Dott. Davide Dionisi
Sede legale: Via Rocca Imperiale, 70 - 00040 Roma (Roma)
Editore - "Terzo Settore Onlus" ass. -
Iscrizione Registro degli Operatori della Comunicazione
(R.O.C.) al n° 15138/2007
Stampato telematicamente dall'Editore presso la propria sede legale
sita in Roma: via Rocca Imperiale, 70
Host-Provider: Aruba S.p.A. P.za Garibaldi,8 - 52010 Soci (AR)
Aut. Min. Com. n. 473
Avvisi legali



Elenco articoli
 Approfondimento
articoli n°: 139


Articoli succ. -->