Articoli - Lavoro e Post Mercato

Home page | Chi siamo | Statuto | Rivista - Lavoro e Post Mercato                                   Area riservata   
Ricerca per argomenti


Ultima rivista



Archivio rivista
<< precedente successiva >>


Cerca un articolo inserendo una parola




  stampa questo articolo


argomento:  Laboratorio sociale 

ULTIMISSIME: ASSOLTA ASIA BIBI!!!
Rivista  n. 295
autore:   La Redazione (R.S.)



La nostra Rivista non è solita affrontare temi di cronaca, ma la notizia è davvero clamorosa: Asia Bibi è stata di nuovo assolta.

Onore alla Corte Pakistana...che ha coraggiosamente confermato la sentenza di assoluzione contro il volere, le pressioni minatorie del partito e del movimento islamico: ma la domanda che tutti si pongono ora è cosa accadrà ad Asia Bibi?

La Corte Suprema del Pakistan , secondo quanto riportato da Ansa.it mondo, ha confermato mercoledì l'assoluzione di Asia Bibi.

Secondo il giudice Asif Saeed Khosa, presidente dei tre membri della Corte chiamati a rivedere il caso, il firmatario del ricorso "non è stato in grado di individuare alcun errore nel verdetto della Corte Suprema che ha assolto Asia Bibi".

Ma facciamo un passo indietro Asia Bibi è una contadina pakistana madre e sposa esemplare di fede cristiana ma in un paese a maggioranza islamica, un giorno nell'anno 2009 fa molto caldo ed ha la disgrazia di recarsi al pozzo per bere accanto a delle compagne di lavoro di fede islamica, lei non ha un secchio né un recipente proprio e chiede di utilizzare il secchio comune. Le compagne di fede islamica le rifiutano il secchio perché lei in quanto cristiana è impura e glielo avrebbe infettato ne nasce una piccola discussione subito conclusa.

Ma non finisce qui le islamiche denunciano falsamente Asia Bibi di aver insultato il Profeta Maometto e dunque di blasfemia reato per il quale in Pakistan è prevista la condanna a morte.

Senza nessuna prova e sulla mera base della denuncia la ragazza viene imprigionata, picchiata e stuprata.

A seguito dello stupro rimarrà in cinta
e fatta partorire con le gambe incatenate.

A seguito di tale crudeltà la bambina subirà una disabilità alla nascita.

Sempre detenuta dal 2009 è stata condannata a morte in 1°nel 2010 ed in 2° nel 2014.

Il Ministro per le minoranze (Cristiano) ed un importante politico pakistano di fede islamica che avevano tentato di difenderla vista l'inconsistenza delle prove sulla base delle quali era stata condannata vengono assassinati da adepti del partito islamico, il suo legale più volte minacciato di morte.

Detenuta ingiustamente per quasi 10 (DIECI) anni il 30 ottobre 2018 la Corte Suprema guidata dal coraggiosissimo presidente Mian Saqib Nisar ha assolto Asia Bibi,il Paese sobillato dal partito islamico insorge con tumulti di piazzza...Asia Bibi deve morire (uomini, donne e bambini islamici sfilano minacciosi portando un cappio Asia Bibi deve essere impiccata). Il suo avvocato è costretto a fuggire all'estero.

A novembre Qari Muhammad Sallam presenta addirittura un insolito ricorso contro il provvedimento definitivo di assoluzione della Corte Suprema, chiedendo un ulteriore riesame della sentenza e la proibizione per Asia Bibi di uscire dal Pakistan.

Tutto sembra finito solo gli Stati Uniti d'America e poche associazioni europee che difendono i cristiani dalle sistematiche persecuzioni denunciano la violazione dello stato di diritto in Pakistan e chiedono il rispetto della sentenza con l'immediato rilascio di Asia Bibi .

e' di questi giorni la notizia che il giudice Asif Saeed Khosa, presidente dei tre membri della Corte chiamati a rivedere il caso, il firmatario del ricorso ha confermato l'assoluzione dichiarando che "non è stato in grado di individuare alcun errore nel verdetto della Corte Suprema che ha assolto Asia Bibi".




  stampa questo articolo                                        torna su







Periodico a diffusione nazionale: “Lavoro e Post Mercato”
Registrazione Tribunale di Roma 3 agosto 2006 n. 332
Direttore Responsabile: Dott. Davide Dionisi
Sede legale: Via Rocca Imperiale, 70 - 00040 Roma (Roma)
Editore - "Terzo Settore Onlus" ass. -
Iscrizione Registro degli Operatori della Comunicazione
(R.O.C.) al n° 15138/2007
Stampato telematicamente dall'Editore presso la propria sede legale
sita in Roma: via Rocca Imperiale, 70
Host-Provider: Aruba S.p.A. P.za Garibaldi,8 - 52010 Soci (AR)
Aut. Min. Com. n. 473
Avvisi legali



Elenco articoli
 Laboratorio sociale
articoli n°: 334

Numero Speciale Seminari UGCI Terni
rivista n° 315
(Giuseppe Formichella)
«Il diritto nella storia della Salvezza»
rivista n° 315
(La Redazione (D.P.))

Articoli succ. -->