Articoli - Lavoro e Post Mercato

Home page | Chi siamo | Statuto | Rivista - Lavoro e Post Mercato                                   Area riservata   

lunedi, 22 aprile 2019


Lavoro e Post Mercato
Quindicinale telematico a diffusione nazionale a carattere giornalistico e scientifico di attualità, informazione, formazione e studio multidisciplinare nella materia del lavoro


Rivista n. 295 - del 01-02-2019

Sommario




  • Argomento: Laboratorio sociale


    Antropologia: Stato etico 2.0 la profezia di S.S. Papa Benedetto XVI

    In un momento di particolare difficoltà per i Cristiani nel mondo non solo per le persecuzioni sistematiche di cui sono vittima nei regimi islamisti e nei regimi comunisti, ma anche per il laicismo liberticida social liberale che sta sopprimendo qualunque di pensiero diverso da quello relativista dallo stesso affermato tornano alla mente le profetiche parole di Papa Benedetto XVI contenuto in troppo poco conosciuto testo del 2012:"si sta diffondendo un'intolleranza di tipo nuovo, è evidente. Esistono dei parametri di pensiero ben rodati che devono essere imposti a tutti. Questi poi vengono promossi in nome della cosiddetta tolleranza negativa. Come, ad esempio, quando si dice che in virtù della tolleranza negativa non devono esserci crocifissi negli edifici pubblici. In fondo così sperimentiamo l'eliminazione della tolleranza, perché in realtà questo significa che la religione, che è la fede cristiana, non può più esprimersi in modo visibile.
    Quando, ad esempio, in nome della non discriminazione si vuole costringere la Chiesa Cattolica a cambiare la propria posizione riguardo all'omosessualità o all'ordinazione sacerdotale delle donne, questo significa che non le è più consentito vivere la propria identità, ergendo invece un'astratta religione negativa a tirannico criterio ultimo, al quale tutti devono piegarsi. E questa sarebbe la libertà, per il solo fatto che libererebbe da tutto quello che è venuto prima.
    In realtà si tratta di uno sviluppo che conduce sempre più a una rivendicazione intollerante da parte di una nuova religione che pretende di essere valida per tutti perché razionale, anzi, perché è la ragione stessa che tutto conosce e che quindi stabilisce i criteri che devono essere determinati per ognuno.
    La vera minaccia di fronte alla quale ci troviamo è che la tolleranza venga abolita in nome della tolleranza stessa. C'è il pericolo che la ragione, la cosiddetta ragione occidentale, sostenga di aver finalmente riconosciuto ciò che è giusto ed avanzi così una pretesa di totalità che è nemica della libertà. Credo necessario denunciare con forza questa minaccia. Nessuno è costretto ad essere cristiano. Ma nessuno deve essere costretto a vivere secondo la "nuova religione", come se fosse l'unica vera, vincolante per tutta l'umanità". (Benedetto XVI, la luce del mondo. Il Papa , la Chiesa e i segni dei tempi. Una conversazione con Peter Seewald 2012).

    In una parola e semplificando si sta imponendo nuovamente uno Stato Etico quello che potremmo denominare 2.0 dove in nome del "Bene" come definito da una Oligarchia laicista viene presentata come conquista la negazione della libertà dell'individuo di poter anche solo pensare... diversamente ...da quanto stabilito. Libertà di pensiero che aveva, invece, costituito il fondamento della bimillenaria civiltà occidentale (evidentemente non socialista).


    Rita Schiarea




  • Argomento: Laboratorio sociale


    ULTIMISSIME: ASSOLTA ASIA BIBI!!!

    La nostra Rivista non è solita affrontare temi di cronaca, ma la notizia è davvero clamorosa: Asia Bibi è stata di nuovo assolta.

    Onore alla Corte Pakistana...che ha coraggiosamente confermato la sentenza di assoluzione contro il volere, le pressioni minatorie del partito e del movimento islamico: ma la domanda che tutti si pongono ora è cosa accadrà ad Asia Bibi?

    La Corte Suprema del Pakistan , secondo quanto riportato da Ansa.it mondo, ha confermato mercoledì l'assoluzione di Asia Bibi.

    Secondo il giudice Asif Saeed Khosa, presidente dei tre membri della Corte chiamati a rivedere il caso, il firmatario del ricorso "non è stato in grado di individuare alcun errore nel verdetto della Corte Suprema che ha assolto Asia Bibi".

    Ma facciamo un passo indietro Asia Bibi è una contadina pakistana madre e sposa esemplare di fede cristiana ma in un paese a maggioranza islamica, un giorno nell'anno 2009 fa molto caldo ed ha la disgrazia di recarsi al pozzo per bere accanto a delle compagne di lavoro di fede islamica, lei non ha un secchio né un recipente proprio e chiede di utilizzare il secchio comune. Le compagne di fede islamica le rifiutano il secchio perché lei in quanto cristiana è impura e glielo avrebbe infettato ne nasce una piccola discussione subito conclusa.

    Ma non finisce qui le islamiche denunciano falsamente Asia Bibi di aver insultato il Profeta Maometto e dunque di blasfemia reato per il quale in Pakistan è prevista la condanna a morte.

    Senza nessuna prova e sulla mera base della denuncia la ragazza viene imprigionata, picchiata e stuprata.

    A seguito dello stupro rimarrà in cinta
    e fatta partorire con le gambe incatenate.

    A seguito di tale crudeltà la bambina subirà una disabilità alla nascita.

    Sempre detenuta dal 2009 è stata condannata a morte in 1°nel 2010 ed in 2° nel 2014.

    Il Ministro per le minoranze (Cristiano) ed un importante politico pakistano di fede islamica che avevano tentato di difenderla vista l'inconsistenza delle prove sulla base delle quali era stata condannata vengono assassinati da adepti del partito islamico, il suo legale più volte minacciato di morte.

    Detenuta ingiustamente per quasi 10 (DIECI) anni il 30 ottobre 2018 la Corte Suprema guidata dal coraggiosissimo presidente Mian Saqib Nisar ha assolto Asia Bibi,il Paese sobillato dal partito islamico insorge con tumulti di piazzza...Asia Bibi deve morire (uomini, donne e bambini islamici sfilano minacciosi portando un cappio Asia Bibi deve essere impiccata). Il suo avvocato è costretto a fuggire all'estero.

    A novembre Qari Muhammad Sallam presenta addirittura un insolito ricorso contro il provvedimento definitivo di assoluzione della Corte Suprema, chiedendo un ulteriore riesame della sentenza e la proibizione per Asia Bibi di uscire dal Pakistan.

    Tutto sembra finito solo gli Stati Uniti d'America e poche associazioni europee che difendono i cristiani dalle sistematiche persecuzioni denunciano la violazione dello stato di diritto in Pakistan e chiedono il rispetto della sentenza con l'immediato rilascio di Asia Bibi .

    e' di questi giorni la notizia che il giudice Asif Saeed Khosa, presidente dei tre membri della Corte chiamati a rivedere il caso, il firmatario del ricorso ha confermato l'assoluzione dichiarando che "non è stato in grado di individuare alcun errore nel verdetto della Corte Suprema che ha assolto Asia Bibi".


    La Redazione (R.S.)




  • Argomento: Formazione


    Il trattamento fiscale Indennizzo contratto di locazione ai fini IVA – REGISTRO ed IRES. Pubblicata la Risposta AdE n.16/2019 (Prima parte)

    In data 29 gennaio 2019 è stata pubblicata un'interessante risposta (la n.16 del 2019) dell'Agenzia delle Entrate in merito al "trattamento fiscale Indennizzo contratto di locazione ai fini IVA –
    REGISTRO ed IRES".

    Ecco il QUESITO posto dal contribuente:

    "La società X rappresenta che, dal giorno .../…/n, conduce in locazione un
    immobile strumentale in forza di un contratto di locazione sottoscritto in data
    …/…/n.
    L'Immobile è utilizzato dall'Istante X per lo svolgimento della propria
    attività.
    L'efficacia del contratto di locazione attualmente in essere cesserà in data
    …/…/n+8, in virtù della disdetta comunicata alla Società da parte del Locatore in
    data …/…/n+6, il quale ha inteso inibire il rinnovo del rapporto locatizio alle
    medesime condizioni del contratto stipulato, in considerazione del rilevante
    incremento del valore commerciale e locatizio dell'immobile. Secondo il
    Locatore, infatti, il valore commerciale del canone annuo dell'Immobile sarebbe
    sensibilmente superiore al canone attualmente praticato nei confronti della
    Società in base al contratto oggi vigente.
    Alla luce di queste considerazioni, la società proprietaria dell’immobile
    Società Y aveva inizialmente proposto all’istante di stipulare un nuovo contratto
    di locazione dell'Immobile, con la previsione di un canone annuale pari ad euro
    100.
    Divisione Contribuenti
    ______________
    Direzione Centrale Grandi Contribuenti
    2
    X, in considerazione del particolare valore commerciale dell'Immobile, ha
    manifestato il proprio interesse a sottoscrivere un nuovo contratto di locazione,
    richiedendo alla controparte Y una riduzione del canone da quest'ultima
    proposto.
    Ad esito della negoziazione intercorsa tra le parti, Y ha infine acconsentito
    ad accettare una riduzione del canone annuo, richiedendo però in contropartita il
    pagamento di una somma al momento del rinnovo del rapporto locatizio. In
    particolare, Y ha proposto di stipulare un nuovo accordo da formalizzare come
    segue:
    - sottoscrizione, entro il …/…/n+8, di un nuovo contratto di locazione
    dell'Immobile con un canone annuo pari ad euro 50 (in luogo dei 100
    inizialmente richiesti), e che prevede una durata di 9 anni, con automatico
    rinnovo per altri 9 anni laddove le parti non comunichino la disdetta. Il Locatore
    rinuncia espressamente alla facoltà di impedire il rinnovo del Contratto di
    Locazione al termine del primo novennio, pertanto la disdetta dopo i primi 9 anni
    potrebbe essere comunicata solo dall'Istante. Ne consegue che il Locatore è
    vincolato al Contratto di Locazione per un periodo di 18 anni;
    - sottoscrizione, entro il medesimo termine del …/…/n+8, di una scrittura
    privata che prevede il pagamento di una somma una tantum pari ad euro 500
    dovuta a Y in considerazione della sensibile riduzione di canone annuo da
    quest'ultima accettato, non ripetibile in caso di cessazione anticipata del
    Contratto di Locazione ("il Pagamento Anticipato").
    La Società ha accettato quest'ultima proposta.
    Di conseguenza, le parti - mediante la sottoscrizione in data …/…/n+7 di un
    contratto preliminare e contestuale versamento da parte della Società X di una
    somma di euro 10 a titolo di caparra confirmatoria - si sono impegnate a
    sottoscrivere, entro il …/…/n+8, il Contratto di Locazione e la Scrittura Privata,
    il cui contenuto è riprodotto nel medesimo Contratto Preliminare.
    Tanto premesso, la Società ritiene che il Pagamento Anticipato, in virtù
    dell'evidente e necessario legame economico e giuridico tra lo stesso e la
    3
    locazione dell'Immobile, debba essere considerato come una componente del
    corrispettivo dovuto per il godimento dello stesso e debba, pertanto, essere
    soggetto al medesimo regime fiscale del canone di locazione annuale, come di
    seguito meglio precisato.
    Dal punto di vista civilistico, infatti, il Pagamento Anticipato è dovuto
    inconsiderazione della riduzione del canone annuo di locazione ad un importo
    inferiore a quello che sarebbe stato convenuto tra le parti in assenza del
    Pagamento Anticipato stesso, come stabilito dalla Scrittura Privata di cui sopra.
    Il Pagamento Anticipato costituisce quindi una modalità alternativa (rispetto
    al versamento periodico in corso di locazione) di pagamento di una porzione del
    canone, realizzando per tale quota un'anticipazione finanziaria, ferma restando la
    ragione economica e la causa giuridica dello stesso.
    A tal proposito, la società rileva che, ove non fosse riconosciuta la sua natura
    di versamento (anticipato) del canone, risulterebbe assolutamente privo di causa
    in concreto, provocando con ciò la nullità della Scrittura Privata.
    La stessa, inoltre, rileva che la pattuizione con la quale le parti hanno
    stabilito che il Pagamento Anticipato non sia ripetibile anche in caso di
    cessazione anticipata della locazione, conferma ulteriormente la natura di canone
    del Pagamento Anticipato.
    Tenuto conto che, su richiesta del Locatore, il Pagamento Anticipato è
    denominato "indennizzo" e sarà regolato da un contratto (la Scrittura Privata)
    separato rispetto al Contratto di Locazione, la Società X ritiene che - pur alla luce
    dell'analisi civilistica sopra riportata - vi siano obiettive condizioni di incertezza
    circa il relativo trattamento fiscale (ai fini delle imposte indirette e dirette).
    A fronte di quanto sopra rappresentato, l'Istante X presenta istanza di
    interpello per formulare i seguenti quesiti.
    Primo Quesito
    L'istante chiede conferma del fatto che il Pagamento Anticipato dovrà essere
    trattato fiscalmente come una componente del canone di locazione dell'Immobile
    e, pertanto, che ai fini dell'imposta di registro di cui al d.p.r.. n. 131/1986
    4
    ("TUR"), la Scrittura Privata dovrà essere registrata in termine fisso con
    applicazione dell'imposta proporzionale nella misura dell'1 per cento, calcolata
    sul Pagamento Anticipato.
    Secondo Quesito
    L'istante, rilevato che il Pagamento Anticipato, al pari del canone di
    locazione annuale, costituirà il corrispettivo di una prestazione di servizi
    rilevante ai fini IVA ai sensi dell'articolo 3, comma 2, n. 1), del d.P.R. n.
    633/1972, domanda se il pagamento sia da ricondurre al regime di esenzione o di
    imponibilità ai sensi dell'articolo 10, comma 1, n. 8, del d.P.R. n. 633/1972, a
    seconda dell'opzione esercitata dal Locatore.
    Terzo Quesito
    La stessa società chiede se il Pagamento Anticipato potrà essere dedotto, ai
    fini dell'IRES e dell'IRAP, in quote costanti lungo i 18 anni di durata prevista del
    Contratto di Locazione, e se in caso di interruzione del Contratto di Locazione
    prima del diciottesimo anno dalla data di inizio della locazione, la quota non
    ancora dedotta potrà essere interamente dedotta nell'esercizio in cui si verifica
    tale evento.
    Quarto Quesito
    Infine, l'istante chiede se, laddove l'istante ceda il Contratto di Locazione
    ricevendo in cambio un corrispettivo, la cessione sarà soggetta ad IVA secondo il
    medesimo regime applicato al Contratto di Locazione (esenzione ovvero
    imponibilità previa opzione del Locatore) e se l'imposta di registro troverà
    applicazione nella misura fissa di 67 euro".

    Ed ecco la soluzione proposta:


    Primo quesito
    In relazione al primo quesito, la società rileva che il Pagamento Anticipato
    costituisce una mera anticipazione di una parte del canone di locazione dovuto
    per il godimento dell'Immobile.
    5
    L'Istante ritiene pertanto che - ai fini dell'imposta di registro - il Pagamento
    Anticipato debba essere assoggettato al medesimo regime applicabile al canone
    annuale di locazione (che, come meglio esplicitato nel prossimo quesito, rientra
    nel campo di applicazione dell'IVA essendo il Locatore un Soggetto passivo ai
    fini di detto tributo).
    In dettaglio, a parere dell'istante:
    - la Scrittura Privata dovrà essere registrata in termine fisso e, non trattandosi
    di un risarcimento, non potrà, invece, godere del regime di registrazione in caso
    d'uso previa stipula secondo la modalità dello "scambio di corrispondenza";
    - in base al combinato disposto dell'articolo 40, comma 1-bis, del TUR e
    dell'articolo 5, Tariffa Parte Prima, del TUR, l'imposta di registro sarà dovuta in
    misura proporzionale con aliquota dell'1 per cento, poiché trattasi di locazione di
    immobile strumentale. La base imponibile sarà pari a 500, e l'imposta dovuta sarà
    complessivamente pari a euro 5, con possibilità di scomputare l'imposta già
    assolta sulla caparra. Vista la peculiarità della fattispecie e tenuto conto della non
    ripetibilità del Pagamento Anticipato, le Parti intenderebbero procedere al
    pagamento dell'imposta di registro in un'unica soluzione, dato che la durata della
    locazione potrebbe essere inferiore a diciotto anni (laddove la Società decidesse
    di interrompere il rapporto al termine del nono anno). Pertanto, la Società ritiene
    applicabile la riduzione dell'imposta di registro prevista dalla nota 1 dell'articolo
    5,Tariffa Parte Prima, del TUR, calcolandola su un periodo di nove anni.
    Secondo Quesito
    In merito al secondo quesito, la società ritiene invece che "l'irrilevanza della
    denominazione attribuita dalle parti costituisce un principio generale applicabile
    anche in ambito IVA", e che "parimenti irrilevante ai fini in esame è la
    circostanza che il Pagamento anticipato sia interamente corrisposto al momento
    della sottoscrizione della Scrittura privata, e non, invece, periodicamente, lungo
    tutta la durata del rapporto locatizio. Infatti, gli aspetti finanziari del pagamento
    del corrispettivo non incidono sulla qualificazione di una operazione ai fini del
    6
    dell'IVA (potendo al limite rilevare sull'individuazione del momento di
    effettuazione dell'operazione)".
    Tanto premesso, ritiene - come già argomentato in relazione al primo quesito
    sopra riportato - che l'adozione di un approccio volto ad individuare la natura
    giuridica ed economica del Pagamento anticipato conduca indubbiamente, anche
    nel comparto IVA, a qualificare quest'ultimo come una parte del corrispettivo per
    la locazione dell'Immobile.
    A fronte dell'accettazione di un canone annuale più basso rispetto a quello
    inizialmente richiesto, il Locatore richiede difatti il versamento del Pagamento
    Anticipato, che, per questa ragione, è in rapporto necessariamente sinallagmatico
    con il godimento dell'Immobile. A parere dell'Istante, pertanto, tale pagamento
    concorre a formare, unitamente ai canoni annuali, il corrispettivo dovuto dalla
    Società per il godimento dell'Immobile per un determinato periodo di tempo. Al
    contempo, sarebbe palesemente distorsivo applicare un regime IVA differente al
    Pagamento Anticipato rispetto a quello applicato al canone annuale, tenuto conto
    che il Pagamento Anticipato, nelle intenzioni delle parti, è dovuto proprio per
    "reintegrare" il minor canone annuale. Oltre a ciò, l'interpellante rileva che la
    corresponsione del Pagamento Anticipato, nonostante lo stesso sia stato definito
    "indennizzo" su richiesta del Locatore, non risponde in alcun modo all'esigenza
    di risarcire un danno subito dal Locatore medesimo.
    Come anticipato, infatti, il Locatore ha semplicemente accettato di ricevere
    un canone annuo più ridotto rispetto a quello richiesto inizialmente, e di
    vincolarsi per non meno di 18 anni alle condizioni economiche e contrattuali
    pattuite.
    Pertanto, l'inesistenza di un danno effettivo determina l'impossibilità di
    considerare il Pagamento Anticipato fuori dal campo di applicazione dell'IVA, ai
    sensi dell'articolo 15, comma 1, n. 1), del d.P.R. n. 633/1972.
    In definitiva, l'Istante ritiene che anche ai fini dell'IVA il Pagamento
    Anticipato debba essere trattato come una parte del corrispettivo dovuto
    dall'Istante al Locatore per una prestazione di servizi, rilevante, quindi, ai fini
    7
    dell'IVA ai sensi dell'articolo 3,comma 2, n. 1), del d.P.R. n. 633/1972. II
    Pagamento Anticipato, pertanto, rientrerà nella fattispecie di cui all'articolo 10,
    comma 1, n. 8), del d.P.R. n. 633/1972, da assoggettare al medesimo regime IVA
    (imponibilità ovvero esenzione, a scelta del Locatore), applicabile al canone
    annuale dovuto in virtù del Contratto di Locazione.
    Terzo Quesito
    In merito al Pagamento Anticipato ai fini dell'IRES e dell'IRAP, la società X
    predispone il proprio bilancio in conformità alla normativa del codice civile,
    interpretata e integrata dai principi contabili elaborati dall'Organismo Italiano di
    Contabilità (OIC), e rileva che, ai fini della contabilizzazione del Pagamento
    Anticipato, troverà applicazione l'articolo 2423-bis, comma 1, n. 1-bis, del codice
    civile in base al quale la rilevazione e la presentazione delle voci di bilancio è
    effettuata tenendo conto della sostanza dell'operazione o del contratto.
    Pertanto, il Pagamento Anticipato potrà essere contabilizzato secondo le
    regole dettate dai principi contabili OIC 12 e OIC 18.
    In particolare, facendo ricorso all'analogia, potrà trovare applicazione la
    disciplina prevista dal principio contabile OIC 12 (Appendice A) per la
    fattispecie(seppure differente) delle operazioni di locazione finanziaria.
    Alla luce di questo principio, e in considerazione del fatto che la locazione ha
    un contenuto economico costante nel tempo, la Società - in applicazione del
    criterio del tempo fisico, come disciplinato dal OIC 18, par. 16 - intende ripartire
    il Pagamento Anticipato in proporzione al tempo e, in particolare, lungo un
    periodo pari alla durata contrattuale (18 anni), tramite l'iscrizione di un risconto
    attivo.
    Conformemente alla rappresentazione contabile sopra delineata, la Società
    ritiene che l'onere relativo al Pagamento Anticipato debba essere imputato, ai fini
    fiscali, in quote costanti lungo tutta la durata del Contratto di locazione e che,
    quindi, non sia possibile dedurre l'intero importo nell'esercizio in cui avviene il
    pagamento, in linea con quanto previsto dal primo comma dell'articolo 83 del
    TUIR.
    8
    Di conseguenza, sostiene che ai fini IRES il Pagamento Anticipato debba
    essere, in primo luogo, qualificato in maniera conforme al trattamento contabile.
    Tenuto conto dell'analisi civilistica sopra riportata e del trattamento contabile
    ipotizzato, deriva che il Pagamento Anticipato rileverà, anche ai fini IRES,
    quale" canone di locazione".
    Pertanto, in conformità alla rappresentazione contabile sopra descritta:
    - il Pagamento Anticipato sarà dedotto in quote costanti in 18 anni
    (assumendo che il rapporto locatizio si protragga per l'intera durata attualmente
    prevista, pari a nove anni con rinnovo automatico per altri nove). Nello specifico,
    ai fini contabili e, quindi, fiscali, l'istante ritiene che la deduzione del Pagamento
    Anticipato debba essere imputata lungo un periodo comprensivo anche del
    periodo di primo rinnovo del rapporto locatizio, essendo tale rinnovo rimesso
    all'esclusiva volontà della Società, la quale, stante il versamento del Pagamento
    Anticipato, ha ogni interesse a beneficiare di tale rinnovo automatico;
    - in caso di risoluzione anticipata del Contratto di Locazione, la quota di
    Pagamento anticipato non ancora dedotta potrà essere interamente dedotta
    nell'esercizio di verificazione di tale evento.
    Per completezza, l'interpellante rappresenta che - anche volendo prescindere
    dall'applicazione del principio della derivazione rafforzata - il trattamento fiscale
    appena descritto risulterebbe comunque coerente con le regole fiscali previste dal
    TUIR per i contratti di durata. Pertanto, appurato che l'aspetto finanziario risulta
    irrilevante ai fini della individuazione del periodo d'imposta di competenza,
    discende che il Pagamento Anticipato non sarà deducibile interamente
    nell'esercizio di pagamento (n+8), ma dovrà essere ripartito in 18 quote costanti,
    pari al periodo massimo di durata del Contratto di Locazione che la Società può
    esigere in base alle relative previsioni contrattuali.
    Anche ai fini IRAP, ritiene che il Pagamento Anticipato debba essere dedotto
    lungo tutta la durata del Contratto di Locazione, in adesione al trattamento
    contabile sopra descritto.
    9
    Da ultimo, rappresenta che le conclusioni sin qui descritte resterebbero
    pienamente valide anche laddove, in sede di redazione del bilancio, il Pagamento
    Anticipato - anziché come un "maxicanone" - venisse invece contabilizzato come
    un'immobilizzazione immateriale ai sensi del principio contabile OIC 24.
    In quest'ultima ipotesi, ai fini IRES, troverebbe infatti applicazione
    l'articolo103, comma 2, del TUIR, in forza del quale il Pagamento Anticipato
    sarebbe dedotto - attraverso l'ammortamento in quote costanti - lungo tutta la
    prevedibile durata del Contratto di Locazione, vale a dire lungo un periodo di 18
    anni.
    L'adozione di quest'ultima impostazione contabile non muterebbe poi le
    conclusioni sopra raggiunte nemmeno ai fini IRAP, in forza del sopra citato
    principio di "presa diretta dal bilancio".
    Quarto Quesito
    In merito all'ultimo quesito l'interpellante rappresenta che la cessione avrà
    luogo a fronte del pagamento di un corrispettivo in favore della società Istante, il
    quale potrebbe, ad esempio, essere commisurato alla porzione del Pagamento
    Anticipato.
    Ciò posto, ritiene che la cessione del contratto sarà soggetta all'IVA in
    regime di imponibilità o di esenzione, a seconda del regime applicato al
    Contratto di Locazione in conformità all'opzione esercitata dal Locatore, in virtù
    dell'articolo 10, comma 1, n.8), del d.P.R. n. 633/1972.
    Ai fini dell'imposta di registro, l'Istante ritiene che, a prescindere dal regime
    di imponibilità ovvero di esenzione applicato alla cessione del contratto,
    l'imposta trovi comunque applicazione in misura fissa (euro 67) in base al
    principio di alternatività tra l'IVA e l'imposta di registro.
    In base a quanto precede, l'Istante ritiene "che possa essere confermato anche
    oggi che, a prescindere dal regime applicabile alla cessione del Contratto di
    Locazione l'esenzione dall'IVA ovvero l'imponibilità, laddove la cessione del
    contratto avvenga a fronte di un corrispettivo troverà in ogni caso applicazione
    l'imposta di registro in misura fissa".

    (Segue)


    Pierfrancesco Viola




  • Argomento: Approfondimento


    Riconoscimento presupposti per la disapplicazione dello articolo 10 co. 4 del DM (MEF) del 3.8.17 e termini periodo di imposta.

    Importanti novità in tema disapplicazione dell'articolo 10, comma 4, DM nuovo Decreto ACE, in data 30 gennaio 2019 è stata pubblicata dalla Agenzia delle Entrate la risposta n. 17 all'interpello così rubricato: "Disapplicazione articolo 10, comma 4, del Decreto del MEF del
    3 agosto 2017 (nuovo decreto ACE)".

    L'interpello si sostanziava nei termini seguenti:

    "QUESITO

    La società ALFA S.p.A. ("ALFA", "Istante" o "Società") ha chiesto il
    riconoscimento dei presupposti per la disapplicazione dell'articolo 10, comma 4, del Decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 3 agosto 2017 ("Nuovo
    decreto ACE"), in relazione al periodo d'imposta che termina al 31 marzo 2017
    nonché ai successivi.
    L'Istante, infatti, ha beneficiato di apporti di somme indirettamente
    provenienti da taluni fondi d'investimento (prevalentemente) stabiliti nello Stato
    di Guernsey e indicati più in dettaglio nel seguito.
    A questo riguardo segnala che, in data 30 agosto 2017, BETA S.p.A. (di
    seguito "BETA") ha presentato, in relazione ai conferimenti indirettamente
    provenienti dagli stessi fondi d'investimento, istanza di interpello probatorio
    ACE, al fine di ottenere la disapplicazione della citata disposizione anti-elusiva
    per il periodo d'imposta che termina al 31 dicembre 2016.
    Tanto premesso, l'Istante rappresenta che nel corso del 2015 il fondo di
    private equity GAMMA ha acquisito il controllo indiretto di ALFA (in
    precedenza già ALFA1 e, al momento dell'acquisizione, ALFA2), società
    operante in Italia nel settore ….
    L'acquisto della partecipazione del 100 per cento al capitale di ALFA è
    stato posto in essere da DELTA S.p.A. ("DELTA"), società indirettamente
    Risposta n. 17
    2
    controllata dalla società inglese EPSILON (a capo del gruppo operante nel
    medesimo settore allora denominato "gruppo EPSILON") che era, a sua volta,
    indirettamente controllata da alcune società che hanno investito in parallelo (di
    seguito congiuntamente "i Fondi"), ovverosia:
    - quattro partnership ("le Partnership") stabilite nello Stato di Guernsey,
    il cui general partner, GAMMA GP L.P. ("il General Partner"), è anch'esso
    stabilito nello Stato di Guernsey. Si precisa che il General Partner partecipa in
    misura esigua al capitale di due delle quattro Partnership;
    - GAMMA Investments, una società di capitali costituita nello Stato di
    Guernsey;
    - LAMBDA una società di capitali di diritto lussemburghese.
    Successivamente, in data 1° marzo 2016, al fine di ridurre la catena
    partecipativa si è perfezionato l'atto di fusione inversa che ha portato
    all'incorporazione di DELTA in ALFA, con efficacia contabile e fiscale
    retrodatata al 1° gennaio 2016 ("la Fusione") .
    Ai fini che qui interessano, l'Istante evidenzia che nel corso del 2015
    DELTA ha ricevuto le seguenti somme di denaro (di seguito, congiuntamente,
    "Conferimenti"):
    - Euro …… a titolo di capitale sociale e riserva sovrapprezzo erogato
    dall'allora socio unico di DELTA, IOTA Ltd, che ha ricevuto le predette somme
    dalla propria controllata inglese IOTA1 Ltd che, a sua volta, ha ricevuto le stesse
    dal proprio socio unico EPSILON. EPSILON ha reperito le predette somme
    contraendo un debito nei confronti di istituti di credito residenti in Stati white
    listed ("Capitale Iniziale");
    - un finanziamento per Euro ……. erogato da EPSILON. Tale
    finanziamento era stato integralmente alimentato da apporti derivanti dal socio di
    EPSILON che, a sua volta, li ha indirettamente ricevuti dai Fondi. Nel corso
    dell'esercizio chiuso al 31 marzo 2017, tale finanziamento è stato poi apportato da
    ZETA alla sua controllata inglese IOTA1 Ltd che, a sua volta, lo ha apportato
    3
    alla sua controllata inglese IOTA Ltd. socia diretta dell'Istante. Successivamente
    IOTA Ltd ha rinunciato in data 28 giugno 2016 al finanziamento nei confronti
    dell'Istante con conseguente incremento del capitale proprio rilevante ai fini ACE
    in capo alla Società ("Credito Rinunciato"). Il Credito Rinunciato proviene
    indirettamente dai Fondi nelle seguenti percentuali: ETA (78,062 per cento),
    THETA (17,08 per cento), GAMMA Investments (2,938 per cento)
    OMICRON(1,224 per cento), RHO(0,516 per cento), SIGMA Sarl (0,18 per
    cento).
    L'istante fa presente che, successivamente, IOTA Ltd ha assegnato la
    partecipazione in ALFA a EPSILON (mediante un'assegnazione delle relative
    azioni a IOTA1 Ltd e una successiva assegnazione delle stesse da IOTA1 Ltd a
    EPSILON); conseguentemente, al 31 marzo 2017, ALFA S.p.A. risultava
    direttamente detenuta da EPSILON.
    Pertanto, con specifico riferimento alle variazioni in aumento originate
    da conferimenti in denaro, ALFA beneficia di una variazione in aumento del
    capitale proprio di:
    - Euro …… in relazione al Capitale Iniziale versato da IOTA Ltd a
    DELTA;
    - Euro …… originata dal Credito Rinunciato di Euro ……, ragguagliato
    per tenere conto del periodo che intercorre tra la data della rinuncia (28 giugno
    2016) e la chiusura dell'esercizio (31 marzo 2017).
    L'istante precisa, altresì, che nel medesimo periodo d'imposta chiuso al
    31 marzo 2017, oltre alle variazioni in aumento "da conferimento" di cui sopra,
    deve tener conto di:
    - una variazione in aumento pari agli utili accantonati a riserve
    disponibili negli esercizi pregressi, per complessivi Euro ……;
    - una variazione in diminuzione complessivamente pari a Euro ……,
    generatasi per effetto della distribuzione di riserve nel corso degli anni e, per il
    limitato importo di Euro ……, a fronte del versamento erogato nel corso del 2014
    4
    a favore di KAPPA S.r.l., società che ad oggi non risulta più parte del medesimo
    gruppo della Società ex articolo 2359 c.c.. Tuttavia, la Società segnala che i
    Conferimenti ricevuti (Capitale Iniziale e Credito Rinunciato) rientrerebbero
    nell'ambito applicativo della disposizione antielusiva speciale, considerato che
    taluni dei limited partners dei Fondi al vertice della catena societaria sono
    localizzati in Stati che, alla data di erogazione dei predetti conferimenti, non
    erano inclusi nella lista di cui al D.M. 4 settembre 1996.
    Ciò posto, sulla base della documentazione e delle informazioni prodotte,
    ALFA chiede la disapplicazione della disposizione di cui all'articolo 10, comma
    4, del Nuovo Decreto ACE:
    a) in via principale, con riferimento all'intero importo dei Conferimenti
    (Capitale Iniziale e Credito Rinunciato), per complessivi Euro ……. Con
    specifico riferimento al Credito Rinunciato, l'Istante ritiene che la disapplicazione
    integrale della disposizione antielusiva in esame non sia preclusa dalla
    circostanza che una percentuale minoritaria del predetto credito provenga da
    limited partners delle Partnership residenti in Stati non white listed;
    b) in via subordinata, con riferimento a un importo di Euro ……,
    corrispondente all'intero importo del Capitale Iniziale e alla porzione del 90,37
    per cento del Credito Rinunciato di cui si è provata la provenienza da soggetti
    residenti in Stati white listed inclusi, alla data dell'erogazione, nella lista di cui al
    D.M. 4 settembre 1996, per i quali è senza dubbio possibile verificare l'assenza di
    una duplicazione del beneficio ACE grazie allo scambio di informazioni esistente
    tra l'Italia e lo Stato di residenza dei soggetti indirettamente conferenti. Si tratta,
    in particolare, della porzione del Credito Rinunciato proveniente dai limited
    partners di THETA e ETA residenti in Stati white listed;
    c) in via ulteriormente subordinata, con riferimento a un importo di Euro
    …… sul totale complessivo di Euro …… dei Conferimenti. Nel periodo
    d'imposta 2016/2017 in esame, infatti, il Credito Rinunciato, pari a Euro ……
    genera una variazione in aumento di soli Euro ……, in quanto ex articolo 5,
    5
    comma 5, del Nuovo decreto ACE l'importo del credito rinunciato deve essere
    ragguagliato in riduzione per tenere conto del tempo che intercorre tra la data
    della rinuncia e la chiusura dell'esercizio. In altri termini, posto che il pericolo di
    moltiplicazione del beneficio ACE con riferimento al Credito Rinunciato si
    verifica solamente in relazione all'importo che genera una variazione in aumento
    in capo alla Società, si ritiene legittimo sterilizzare la variazione in diminuzione
    originata dalla predetta rinuncia per l'importo di Euro …… che non genera una
    corrispondente variazione in aumento in ragione del ragguaglio ad anno.
    SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL
    CONTRIBUENTE
    In relazione al periodo d'imposta chiuso al 31 marzo 2017, la Società
    ritiene sussistenti i presupposti per la disapplicazione delle disposizioni
    antielusive di cui all'articolo 10, comma 4, del Nuovo decreto ACE con
    riferimento ai Conferimenti ricevuti, pari a Euro …….
    A tal fine intende dimostrare, sulla base dei chiarimenti forniti nel
    paragrafo 3.1. della circolare n. 21/E del 2015:
    a) la provenienza dei conferimenti da un soggetto residente in un Paese
    white listed;
    b) l'assenza di fenomeni di duplicazione dell'agevolazione ACE.
    Con specifico riferimento al punto sub a), l'istante fa presente che il
    Capitale Iniziale è stato erogato attingendo, indirettamente, da somme reperite da
    EPSILON da istituti di credito residenti in Stati white listed e tale circostanza
    dovrebbe essere di per sé sufficiente a dimostrare che lo stesso non proviene da
    soggetti residenti in Stati non collaborativi.
    Il Credito Rinunciato ricevuto da ALFA proviene indirettamente dai
    Fondi che hanno ricevuto le predette somme dai propri limited partner/soci,
    erogandole successivamente (indirettamente) a DELTA.
    L'istante precisa, inoltre, che:
    6
    - le quattro Partnership sono entità trasparenti ai fini fiscali e pertanto
    non sono assoggettate a tassazione nel loro Stato d'incorporazione (Guernsey);
    - THETA e ETA, le partnership da cui proviene il 95,14 per cento delle
    somme indirettamente erogate dai Fondi, sono partecipate da investitori terzi,
    mentre le restanti entità sopra indicate sono le società per il tramite delle quali a
    vario titolo hanno partecipato all'investimento i manager e i partner di GAMMA
    e/o gli industrial advisor di GAMMA.
    L'istante fornisce, per ciascuna società, informazioni circa la residenza
    fiscale dei limited partner/soci da cui indirettamente proviene il Credito
    Rinunciato, dalle quali emerge, in definitiva, che nessuno dei limited partner di
    THETA e ETA è fiscalmente residente in Italia e che il 94,98 per cento di essi
    risiede in Stati white listed, con la conseguenza che la porzione del Credito
    Rinunciato indirettamente erogata da THETA e ETA è da considerarsi
    proveniente in pari percentuale da soggetti residenti in Stati white listed.
    Come risulta anche dalla dichiarazione sostitutiva di GAMMA allegata
    all'istanza di interpello di BETA:
    - il 52,85 per cento dei limited partner di THETA e ETA sono fondi
    pensione pubblici;
    - il 17,16 per cento dei limited partner di THETA e ETA sono fondi
    sovrani, ovvero speciali veicoli di investimento pubblici controllati direttamente
    dai governi dei relativi Paesi, che vengono utilizzati per investire le riserve di
    valuta estera in strumenti finanziari e altre attività.
    GAMMA investments è una società stabilita nel Guernsey e partecipata
    da tre limited partner, veicoli societari riconducibili ai manager di GAMMA, di
    cui due veicoli residenti in Guernsey (Stato non white listed) e uno residente in
    Cina (Stato white listed).
    OMICRON è una partnership stabilita nel Guernsey e partecipata da 123
    investitori (in larga prevalenza persone fisiche), di cui solo 10 risiedono in Stati
    non white listed.
    7
    RHO è una partnership stabilita nel Guernsey e partecipata da 47 limited
    partner (in larga prevalenza persone fisiche), di cui solo 11 risiedono in Stati non
    white listed.
    SIGMA Sarl è una società di capitali di diritto lussemburghese
    partecipata interamente da un veicolo appartenente a GAMMA, mentre i manager
    di GAMMA investono in SIGMA Sarl tramite strumenti di debito emessi dalla
    stessa SIGMA Sarl.
    Passando al punto sub b), l'istante fornisce le informazioni che ritiene
    idonee a dimostrare che l'erogazione ad ALFA del Credito Rinunciato non
    determini una moltiplicazione del beneficio ACE per il periodo d'imposta chiuso
    al 31 marzo 2017.
    Innanzitutto, precisa che l'Istante è controllata (in via indiretta)
    contrattualmente, ex articolo 2359, comma 1, numero 3) del codice civile, dal
    General Partner dei Fondi, GAMMA GP LP. Quest'ultimo dispone, infatti, del
    potere di gestione dei Fondi, che a loro volta detengono, direttamente o
    indirettamente, la maggioranza dei voti nell'assemblea ordinaria dell'Istante.
    Inoltre, il General Partner detiene ex art. 2359 c.c. il controllo delle
    seguenti ulteriori società fiscalmente residenti in Italia:
    · A S.r.l.
    · B S.r.l.
    · C S.r.l.
    · D S.r.l.
    · E S.r.l.
    · F S.r.l.
    · G S.r.l.
    · H S.r.l.
    · I S.r.l.
    · L S.r.l. Unipersonale
    · M S.r.l.
    8
    · N S.r.l.
    · O S.r.l.
    · P S.r.l.
    · BETA S.p.A.
    · TAU 1 S.p.A.
    · TAU 2 S.p.A.
    Ciò premesso, l'assenza di una moltiplicazione del beneficio ACE è
    comprovata, a parere dell'istante, dai seguenti elementi:
    - il conferimento indirettamente erogato dai limited partner per finanziare
    l'acquisto di BETA, compiutamente descritto nell'istanza di interpello di BETA
    menzionata sopra, ha generato incrementi di capitale in capo a tutti i soggetti
    italiani che hanno ricevuto tali somme a titolo di conferimento lungo la catena
    societaria e, in particolare, in capo a TAU 1 S.p.A. ("TAU 1"), TAU 2 S.p.A.
    ("TAU 2") e TAU 3 S.p.A. ("TAU 3", successivamente fusa in BETA). Tuttavia,
    tali incrementi di capitale proprio non hanno generato una moltiplicazione del
    beneficio ACE, atteso che ai sensi dell'articolo 10, comma 2, del Nuovo decreto
    ACE:
    (i) l'incremento di capitale proprio di Euro …… di cui ha beneficiato
    TAU 1 (Euro …… in sede di costituzione e il residuo importo a fronte del
    conferimento ricevuto dai Fondi in data ….) è sterilizzato in capo a TAU 1 per
    Euro ……, corrispondente al conferimento complessivo effettuato da TAU 1 a
    favore di TAU 2 (Euro …… in sede di costituzione ed il residuo importo in sede
    di successivo aumento di capitale); e
    (ii) l'incremento di capitale proprio di Euro …… di cui ha beneficiato
    TAU 2 (Euro …… in sede di costituzione e il residuo importo a fronte del
    successivo conferimento ricevuto da TAU 1 e dal management di BETA), è
    sterilizzato in capo a TAU 2 per Euro ……, corrispondente al conferimento
    effettuato a favore di TAU 3;
    9
    - ad eccezione degli incrementi di capitale proprio di cui sopra, oltre ad
    ALFA, al 31 dicembre 2016 le altre società residenti in Italia controllate dal
    General Partner ex art. 2359 c.c. ad aver beneficiato di un incremento di capitale
    proprio rilevante ai fini ACE per effetto di conferimenti in denaro (per un totale
    complessivo pari ad euro ……) sono esclusivamente le seguenti:
    - I S.r.l.: euro … nel 2016
    - E S.r.l.: euro … nel 2013
    - A S.r.l.: euro … nel 2014-2016
    - H S.r.l.: euro … nel 2015
    - L S.r.l. Unipersonale: euro … nel 2016
    - M S.r.l.: euro … nel 2014
    - F S.r.l.: euro … nel 2016
    - D S.r.l.: euro … nel 2015.
    A parere dell'istante, tuttavia, tali incrementi di capitale proprio non si
    sono originati mediante l'utilizzo delle medesime somme di denaro utilizzate dai
    Fondi per erogare indirettamente il Credito Rinunciato a favore di ALFA e,
    pertanto, non possono aver determinato una moltiplicazione del beneficio ACE
    all'interno del gruppo di società controllate dal General Partner.
    A riprova di tale circostanza, l'istante evidenzia che nessuna delle
    predette società fiscalmente residenti in Italia controllate dal General Partner ex
    articolo 2359 c.c. ha effettuato, direttamente o indirettamente, conferimenti in
    denaro, finanziamenti, acquisti di aziende o di partecipazioni di controllo nei
    confronti dei Fondi, del General Partner e/o a favore di altri soggetti controllati
    ex articolo 2359 c.c. dal General Partner e residenti in Stati non white listed.
    Una ulteriore riprova del fatto che il Credito Rinunciato proveniente dai
    Fondi non abbia generato una duplicazione del beneficio ACE si rinviene
    dall'analisi dei soggetti che hanno investito nelle Partnership:
    10
    - le quattro Partnership sono entità dal capitale estremamente frazionato,
    con la conseguenza che nessuna volontà di duplicazione della base ACE risulta
    rinvenibile;
    - le decisioni d'investimento delle Partnership sono prese dal General
    Partner. Al contrario, i limited partner non hanno alcun potere di indirizzare le
    scelte di investimento; in sostanza, i limited partner non possono in alcun modo
    aver influenzato le politiche di gestione delle Partnership al fine di generare una
    moltiplicazione della base ACE in capo a più società residenti in Italia;
    - i limited partner di THETA e ETA, da cui proviene il 95,14 per cento
    dell'investimento complessivo dei Fondi, sono per il 94,98 per cento investitori
    residenti in Stati white-listed, per i quali è possibile verificare l'assenza di una
    duplicazione del beneficio ACE grazie allo scambio di informazioni esistente tra
    l'Italia e lo Stato di residenza dei soggetti indirettamente conferenti;
    - il 52,85 per cento dei limited partner di THETA e ETA sono fondi
    pensione pubblici e il 17,16 per cento sono fondi sovrani. Con riferimento a tali
    soggetti, già solo per la natura dell'investitore, deve escludersi che tali entità
    possano essere state destinatarie di un apporto di capitale di una società residente
    in Italia al fine di ottenere una duplicazione del beneficio ACE;
    - gran parte dei limited partner sono fondi (d'investimento o di pensione)
    residenti in Stati white listed e soggetti a vigilanza nel relativo Stato
    d'incorporazione.
    PARERE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE
    L'Istante ha presentato istanza di interpello probatorio in relazione alla
    possibilità di beneficiare dell'agevolazione ACE con riferimento a due distinti
    incrementi di capitale proprio derivanti rispettivamente da:
    11
    - un conferimento in denaro ereditato a seguito della fusione con
    DELTA (ricevuto da quest'ultima nel corso del 2015) proveniente da
    un "pool di banche";
    - una rinuncia a credito del 28 giugno 2016 proveniente indirettamente
    dai fondi citati nell'istanza.
    L'Istante ha richiesto l'applicazione della disciplina antielusiva dettata in
    materia di ACE dal Nuovo decreto ACE.
    Si rammenta, al riguardo, che la possibilità di applicare anticipatamente
    le nuove disposizioni antielusive è stata confermata con la circolare del 26
    ottobre 2017, n. 26/E, nella quale è stato chiarito che, in relazione ai periodi
    d'imposta 2016 e 2017, è rimessa al singolo contribuente la facoltà di anticipare,
    purché integralmente, le disposizioni dettate all'articolo 10 del Nuovo decreto
    ACE.
    Tanto premesso, nell'articolo 10, comma 4, del Nuovo decreto ACE è
    prevista la riduzione della base di calcolo dell'ACE in capo al conferitario per un
    importo pari ai conferimenti in denaro provenienti da soggetti diversi da quelli
    domiciliati in Stati o territori che consentono un adeguato scambio di
    informazioni, anche se non appartenenti al gruppo.
    Tuttavia, nella predetta disposizione è limitata l'indagine c.d. look
    through in presenza di fondi d'investimento dotati di determinate caratteristiche.
    In particolare, è previsto che l'indagine effettuata dal contribuente sulla
    provenienza dei conferimenti, in presenza "di un fondo di investimento
    regolamentato e localizzato in Stati o territori che consentono un adeguato
    scambio di informazioni non è operata in relazione ai sottoscrittori del fondo
    medesimo".
    L'istante fa presente che i fondi d'investimenti localizzati nello Stato di
    Guernsey ("Fondi GAMMA") non sono fondi regolamentati.
    Nel caso di specie non risulta, pertanto, applicabile il più lieve onere
    probatorio previsto nel citata disposizione.
    12
    Ciò premesso deve comunque riconoscersi al contribuente la possibilità
    di fornire le informazioni idonee a dimostrare che, nel suo caso concreto, non si
    siano prodotti gli effetti duplicativi scongiurati dalla disposizione antielusiva
    speciale contenuta nel comma 4 dell'articolo 10 del Nuovo decreto ACE.
    A questo proposito, occorre fare riferimento alla circolare n. 21/E del
    2015, nella quale sono indicate le informazioni che il contribuente deve fornire
    all'amministrazione finanziaria per dimostrare che non si sono verificati gli effetti
    duplicativi che la disposizione antielusiva speciale vuole evitare.
    Al riguardo, si osserva che in merito al conferimento in denaro ereditato
    a seguito della fusione con DELTA spa (ricevuto da quest'ultima nel corso del
    2015) proveniente da un pool di banche, l’istante ha dichiarato che queste ultime,
    individuate con elenco, sarebbero soggetti terzi non riconducibili alla compagine
    sociale di ALFA.
    La circostanza per cui i suddetti conferimenti provengono da soggetti
    terzi non riconducibili alla compagine sociale di ALFA risulta idonea ad
    escludere che in relazione a tali somme, possa essersi verificato l'effetto
    duplicativo del beneficio che l'articolo 10 del decreto ACE contrasta.
    In merito alla rinuncia a credito del 28 giugno 2016 proveniente per circa
    il 95,14 per cento dalle partnership THETA e ETA - l'istante ha fornito i relativi
    partnership agreements nonché i nominativi e la residenza fiscale dei limited
    partner/soci da cui indirettamente proviene il Credito Rinunciato.
    Da tali documenti emerge che nessuno dei limited partner di THETA e
    ETA è fiscalmente residente in Italia e che il 94,98 per cento di essi risiede in
    Stati white listed, con la conseguenza che la porzione del Credito Rinunciato
    indirettamente erogata da THETA e ETA è da considerarsi proveniente in pari
    percentuale da soggetti residenti in Stati white listed.
    In particolare, come risulta anche dalla dichiarazione sostitutiva di
    GAMMA allegata all'istanza di interpello di BETA:
    13
    - il 52,85 per cento dei limited partner di THETA e ETA sono fondi
    pensione pubblici;
    - il 17,16 per cento dei limited partner di THETA e ETA sono fondi
    sovrani, ovvero speciali veicoli di investimento pubblici controllati direttamente
    dai governi dei relativi Paesi, che vengono utilizzati per investire le riserve di
    valuta estera in strumenti finanziari e altre attività.
    La trasparenza fiscale di THETA e ETA nello Stato di Guernsey è stata
    confermata da GAMMA G.P. Limited con dichiarazione sostitutiva.
    Ciò posto, con riferimento alla porzione del Credito Rinunciato
    indirettamente erogata da THETA e ETA proveniente da soggetti residenti in
    Stati white listed, occorre analizzare i flussi finanziari intercorsi tra le società
    appartenenti al medesimo gruppo di ALFA al fine di verificare l'assenza di
    fenomeni duplicativi.
    Sulla base di quanto rappresentato dall'istante, nel periodo compreso tra
    l'1/1/2011 e il 31/03/2017, nessuna delle società fiscalmente residenti in Italia,
    controllate dal General Partner ex articolo 2359 c.c. ha effettuato, direttamente
    e/o indirettamente, conferimenti in denaro, finanziamenti, acquisti di aziende o di
    partecipazioni di controllo nei confronti dei fondi, del GP e/o in favore di altri
    soggetti controllati ex articolo 2359 c.c. dal GP residenti in Stati non white listed
    e che "non vi sono ulteriori flussi di denaro di cui all'art. 10 del D.M. ACE 3
    agosto 2017 - oltre a quelli rappresentati in istanza e nella documentazione
    integrativa - posti in essere dalla società istante e/o dalle altre società residenti
    del gruppo con altri soggetti facenti parte della compagine sociale (i Fondi e/o il
    General Partner e/o società in cui i Fondi e il GP detengono partecipazioni).
    Non vi sono flussi in uscita ex art. 10 del D.M. ACE 3 agosto 2017 posti
    in essere da società del gruppo italiane verso entità black-list della compagine
    sociale (come sopra definita)".
    Tali circostanze escludono che le somme che hanno determinato un
    beneficio ACE in capo all'istante possano avere in precedenza prodotto una
    14
    giovamento fiscale in capo ad altri soggetti del gruppo, e quindi esclude il
    verificarsi degli effetti duplicativi del beneficio che la disposizione normativa
    contrasta.
    Riguardo, infine, alla parte dei conferimenti provenienti dagli altri veicoli
    di investimento (GAMMA Investments, OMICRON, RHO e SIGMA Sarl), non
    sono state fornite dall'istante le informazioni richieste al fine di consentire la
    disapplicazione del citato articolo 10 citato.
    Tutto ciò considerato, si esprime parere favorevole alla disapplicazione
    della disciplina antielusiva speciale di cui al citato articolo 10 limitatamente alla
    porzione del Credito Rinunciato indirettamente erogata da THETA e ETA
    proveniente da soggetti residenti in Stati white listed, nonché ai conferimenti
    ereditati a seguito della fusione con la società DELTA.
    La presente risposta, che ha valenza annuale, è riferita esclusivamente al
    periodo d'imposta chiuso al 31 marzo 2017 e si basa sulle informazioni fornite dal
    richiedente, assunte acriticamente così come illustrate nell'istanza, nel
    presupposto della loro veridicità e completezza.
    Resta impregiudicato ogni potere di controllo dell'Amministrazione
    finanziaria volto a verificare se la fattispecie rappresentata (anche in relazione ad
    eventuali atti, fatti o negozi ad essa collegati) realizzi un disegno elusivo
    censurabile ai sensi dell'articolo 10-bis della Legge n. 212/2000 volto, in
    particolare, alla creazione artificiosa di base ACE.
    Si segnala, infine, che il presente parere si riferisce esclusivamente alla
    disapplicazione della norma antielusiva in oggetto e non anche alla correttezza
    della determinazione della base agevolabile ACE dell'Istante, che potrà dunque costituire oggetto di esame in sede di controllo da parte dell'Amministrazione
    finanziaria.

    (Fonte: Agenzia delle Entrate)


    Diego Piergrossi






Periodico a diffusione nazionale: “Lavoro e Post Mercato”
Registrazione Tribunale di Roma 3 agosto 2006 n. 332
Direttore Responsabile: Dott. Davide Dionisi
Sede legale: Via Rocca Imperiale, 70 - 00040 Roma (Roma)
Editore - "Terzo Settore Onlus" ass. -
Iscrizione Registro degli Operatori della Comunicazione (R.O.C.) al n° 15138/2007
Stampato telematicamente dall'Editore presso la propria sede legale
sita in Roma: via Rocca Imperiale, 70
Host-Provider: Aruba S.p.A. P.za Garibaldi, 8 - 52010 Soci (AR) Aut. Min. Com. n. 473
Avvisi legali